Google My Business: come farsi trovare online


“La pubblicità è l’anima del commercio” e come tutto ciò che genera un valore va pagata, giusto?

Non proprio, sul web ci sono alcuni strumenti totalmente gratuiti che costituiscono un ottimo strumento di promozione.

Fra tutti, il più valido in assoluto è certamente Google My Business: uno strumento gratuito che ti consente di gestire come la tua attività viene visualizzata nei risultati di ricerca di Google e su Google Maps.


Le informazioni visualizzate includono:

  • Nome dell’attività

  • Informazioni di contatto come email e numero di telefono

  • Orari di apertura

  • Posizione

  • Foto

  • Recensioni


Come richiedere e verificare la scheda di Google My Business


Se non hai ancora rivendicato la proprietà della tua scheda di GMB, come prima cosa visita Google My Business - Aumenta il coinvolgimento dei clienti su Google e clicca su “Gestisci ora”.




Dopodiché non dovrai fare altro che seguire le semplicissime istruzioni e compilare con dati corretti tutti i vari campi relativi alla tua attività: da quelli base come indirizzo, contatti, tipologia ecc. ai servizi specifici come per esempio la consegna di beni o servizi a domicilio, con anche la possibilità di specificare il raggio di chilometri entro cui si effettuano le consegne.

Alla fine del procedimento guidato, prima di poter reclamare la scheda, modificarla e caricare contenuti, dovrai dimostrare di essere effettivamente il proprietario di quella attività. Per fare ciò dovrai inserire un codice che puoi ottenere in due modi: facendoti spedire una cartolina all’indirizzo inserito, oppure ricevendolo tramite una telefonata al numero fisso associato all’attività che si vuole reclamare.


Come vedono gli utenti la tua scheda Google My Business?


Hai notato per esempio le opzioni che compaiono quando cerchi “Ristorante centro Alessandria”?






Prova a scorrere e selezionarne uno: ti apparirà la sua scheda che potrai navigare per approfondire ulteriormente.

Passando con il mouse su un esercizio, il suo segnaposto sulla mappa si evidenzia, se poi stai facendo la ricerca da uno smartphone avrai immediatamente le informazioni di tempo e distanza e la possibilità di avviare una chiamata con un tocco sullo schermo.




Nell’immagine successiva invece si può vedere come appare la scheda di Google My Business dal computer a seguito di una ricerca brandizzata, ovvero quando viene cercata un’attività specifica. Questo formato appare a destra dei risultati di ricerca.




Come decide Google chi appare per primo nei risultati di ricerca locali?


Per determinare chi si posiziona in alto nei risultati delle ricerche locali, Google tiene conto di tantissimi fattori, ma ce ne sono due che sono particolarmente importanti:


  • Distanza: viene misurata la vicinanza delle attività relativamente alle posizioni specificate nella ricerca. Nel caso in cui non venisse specificata una posizione specifica, Google calcolerà la distanza in base a ciò che è noto sulla posizione dell’utente (usando per esempio il GPS)

  • Importanza: viene valutato quanto un’attività è conosciuta sia online che nel mondo reale. Per quanto riguarda l’ambiente online, citazioni e recensioni sono un fattore considerevole, poiché è attraverso di esse che viene misurata la popolarità delle imprese locali. Nell’esempio utilizzato in precedenza possiamo vedere che ciascuno dei tre ristoranti ha accumulato un buon numero di recensioni positive.




Consigli per ottimizzare la scheda di Google My Business


1. Assicurati che le informazioni siano aggiornate e accurate

Non lasciare che l’utente che ti sta cercando possa imbattersi in informazioni inesatte od obsolete. Mantieni sempre aggiornato il tuo indirizzo, gli orari di chiusura e apertura, i giorni di festività, il numero di telefono e il link al sito web.


2. Mostra foto rappresentative e accattivanti (e di qualità)

Secondo i dati forniti da Google, le attività con foto ricevono il 35% in più di click sul proprio sito web e il 42% in più di richieste di indicazioni stradali in Google Maps.

Oltre alle foto è anche possibile caricare dei video, che possono aggiungere una certa varietà al tuo profilo e farti risaltare tra i tuoi concorrenti.


3. Mostra credibilità e affidabilità al tuo pubblico

Accumulare una buona quantità di recensioni positive può rappresentare il motivo per cui un’attività abbia sempre la coda di persone fuori mentre il suo diretto concorrente fa fatica ad attrarre clienti.

Quando ottimizzi la tua scheda su Google My Business, è necessario stabilire prima di tutto la credibilità: questo include l’aggiunta di foto rilevanti, garantire che vi siano informazioni accurate e incoraggiare i tuoi clienti soddisfatti a scrivere delle recensioni positive.


4. Google Posts

Google Post è un contenuto che serve a promuovere annunci, offerte, eventi o prodotti.

Quando crei un nuovo post hai a disposizione 1500 caratteri, puoi caricare una foto o un video e aggiungere un pulsante predefinito (Prenota, Acquista, Ulteriori Informazioni, Chiama Ora ecc.) a cui puoi associare un link o un numero di telefono. I post possono essere di quattro categorie, ognuna con appositi campi da compilare: Novità, Evento Offerta e Prodotto.


5. Mostra i tuoi annunci pubblicitari agli utenti attraverso i risultati di ricerca e Google Maps

Anche se questo richiede l’utilizzo di un account di Google Ads, il potenziale del marketing territoriale è enorme. Grazie agli annunci pubblicitari le attività hanno la possibilità di promuoversi all’interno dei risultati di ricerca locale e su Google Maps e riuscire a posizionarsi ai primi posti.

Le attività promosse in questo modo saranno distinte dalle altre dalla scritta Ad accanto alle recensioni.




Conclusione


Spero che questo articolo ti sia stato d'aiuto per iniziare a creare la tua presenza online.

Se vuoi sapere di più in merito a quello che potrebbe fare per te 2gether Lab, contattaci per una consulenza gratuita cliccando qui.


Se vuoi puoi seguire i nostri consigli utili su Instagram e Facebook


Grazie!